Loading...

MICHELE EMILIANO SU AGRICOLTURA, L'INTERVENTO DI CONFAGRICOLTURA BARI

“Abbiamo apprezzato la conferenza stampa del governatore pugliese, Michele Emiliano, convocata sulle vertenze agricole aperte dopo le dimissioni dell’ex assessore Leo Di Gioia. Abbiamo apprezzato, soprattutto, la sua volontà e il suo piglio nel voler affrontare problemi che per troppo tempo sono stati trattati con sufficiente insufficienza”. E’ il commento del presidente di Confagricoltura Bari-Bat, Michele Lacenere, al termine dell’incontro con la stampa convocato dal presidente della Regione Puglia in assessorato, a Bari. 
 
“Finalmente, rispetto al recente passato, Emiliano sta caricando il ruolo di responsabilità reali ed è giusto che lo faccia. Non era, ad esempio, facile prendere la decisione di sospendere il bando del Psr della misura 4.1A, ha ascoltato tutte le parti ed ha ritenuto corretto farlo. Ha valutato di dover puntare sulla rapida evoluzione del vecchio bando, mettendoci somme e faccia e l’ha fatto. Il governatore ha invitato i ricorrenti ad un colloquio sereno per poter valutare insieme la possibilità di superare gli scogli che possono portare solo al disimpegno che tutti noi temiamo. Questo significa aver capito quali sono i rischi grossissimi incontro ai quali va la Puglia, c’è un pericolo concreto di dover restituire i fondi europei e bisogna essere uniti nello sforzo per evitarlo. Nel presidente Emiliano abbiamo visto la voglia, vera, di lottare senza scuse e senza capri espiatori su cui riversare responsabilità”.
 
Il governatore pugliese ha affrontato diverse tematiche, dalle gelate, la cui vicenda sembra ormai aver preso la strada della soluzione definitiva, alla Xylella passando per l’emergenza climatica e la necessità di rivedere con le compagnie assicurative i criteri delle polizze. Per quanto riguarda i frantoi, la Regione è al lavoro per riconoscere i requisiti che serviranno a ottenere benefici in conto capitale finalizzati a sostenere il comparto e favorirne la ripresa produttiva. Buone notizie anche per i vivaisti: è stata adottata dal dirigente del servizio fitosanitario la determina che consente la movimentazione in area infetta di piante specificate, prodotte in aree delimitate.
 
“Con Emiliano condividiamo anche la decisione di non voler stravolgere la Struttura del dipartimento delle Politiche agricole, siamo d’accordo con lui visto che si tratta di una struttura formata da persone preparate che lavorano tanto e bene, come confermano i risultati ottenuti nei precedenti Psr. Accogliamo con soddisfazione anche le parole del presidente sul rapporto con le organizzazioni agricole, ha detto che non teme ingerenze e che vuole trovare la collaborazione di tutti attraverso il dialogo e lo scambio di opinioni.”  “Mi auguro - conclude Lacenere - che la politica agricola regionale dia di se un rinnovato aspetto e che si sia concluso definitivamente questo periodo di contrasti e di mancate decisioni”.